Novembre 17 2020 0Comment

Terzo Settore: Concluso l’European Third Sector Forum e assegnati anche i premi ai vincitori

Terzo Settore | Concluso il Forum europeo, assegnati anche i premi ai vincitori

di Vincenzo Tafuri. Pubblicato su Istituzioni24.it

 

L’European Third Sector Forum è stato trasmesso, giovedì 12 novembre, sulla pagina Facebook e sul canale YouTube di EUconsult Italia. Quest’ultima è l’associazione, presieduta da Raffaele Picilli, che riunisce i consulenti ed i professionisti italiani che operano nel mondo non profit ed è l’organizzatrice di quest’evento, che, solitamente ed annualmente, si tiene a Roma. La pandemia, però, se, da un lato, ha reso necessario il suo svolgimento online, dall’altro, ha dato lo spunto ai promotori per scegliere l’argomento di questa edizione digitale: 2020: Anno del cambiamento. Governance, comunicazione e benessere organizzativo nel Terzo Settore.

Il forum di incontro, ascolto e confronto è iniziato, alle 10, con la sessione dedicata a Benessere organizzativo, governance e competenze professionali, proseguito con i panel pomeridiani Comunicazione interna/esterna, senso di appartenenza e innovazione digitale, alle 15, e Il punto sulla Riforma del Terzo Settore, alle 17.30, concluso con l’assegnazione dei premi dello EUconsult Italia Award, alle 19.

La prima sessione del Forum è stata, quindi, dedicata al concetto di benessere organizzativo, che è la capacità di un’organizzazione di promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale di tutte le risorse umane che operano al suo interno. Secondo i relatori, Francesca Mineo – chair di EUconsult Europe –, Paula Benevene – docente dell’Università Lumsa –, Francesca Pasinelli – Direttrice Generale di Telethon –, Robin Brady – social impact Consultant – infatti, le persone che lavorano in un’organizzazione che privilegia un clima positivo sono maggiormente performanti e, se sono coordinati anche da una leadership etica, questi hanno un senso di appartenenza più accentuato.

Nella seconda sessione, invece, sono stati trattati alcuni temi di grande attualità come la comunicazione interna ed esterna delle organizzazioni non profit, il senso di appartenenza alle medesime e l’innovazione nell’affrontare le sfide future. A discuterne sono stati Silvia Superbi – project manager e fundraiser per il Terzo Settore –, Paolo Anselmi – docente marketing sociale –, Ferdinando Ricci – responsabile marketing e fundraising specialist della Fondazione Umberto Veronesi –, Eleonora Terrile – esperta di comunicazione del Terzo Settore –, Gabriele Granato – co-founder della web agency 3d0, Francesco Macioce dell’agenzia di marketing e business intelligent Commongrounds, Andrea Volterrani – Sociologo dei processi culturali e comunicativi all’Università Tor Vergata –.

L’importanza di una definizione giuridica di ente del terzo settore (ets), ottenuta grazie alla Riforma, e la possibilità per le realtà senza scopo di lucro di riprendere la loro identità grazie alla modifica degli statuti sono alcuni temi affrontati, nella terza fase del Forum, dall’avvocato tributarista Gabriele Sepio (leggi l’intervista qui), dal fondatore di Idee & Reti per l’impresa sociale Fabio Lenzi, dalla Responsabile Rapporti Istituzionali del Fondo Ambiente Italiano Sofia Bosco e dalla docente universitaria de La Sapienza Maria Cristina Antonucci.

Al termine dei lavori, sono stati proclamati i vincitori dell’Award promosso da EUconsult Italia: a Mario Molteni, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, il premio per il miglior mentore di risorse umane, «per aver saputo progettare e realizzare iniziative di formazione innovative ispirate ai valori della responsabilità e della sostenibilità»; a Job4Good, il portale per il lavoro nel Terzo Settore, il premio per il progetto più innovativo per il Terzo Settore «in ragione della capacità di innovazione tecnologica e sociale che ha dimostrato nello sviluppo di uno strumento digitale in grado di incontrare domanda e offerta nel non profit»; a Stefano Zamagni, professore di economia, il premio alla carriera, «per la continuità e il valore dei contribuiti alla disciplina del Terzo Settore, pubblicati durante la sua lunga carriera accademica»; a Linda Laura Sabbadini, statistica italiana, il premio per la valorizzazione del Terzo Settore «per la capacità di identificazione e valorizzazione economica del lavoro dei volontari, per lo sviluppo e la diffusione di statistiche per il Terzo Settore».

admin

Write a Reply or Comment